ultimi ordini

  •  
    Lukas, Austria
  •  
    Nathan, Canada
  •  
    GAETAN, Cyprus
  •  
    Holger, Germany
  •  
    Thomas, Germany
  •  
    Verena, Germany
  •  
    eduardo, Spain
  •  
    Rosa, Spain
  •  
    Carmen, Spain
  •  
    Alejandro, Spain
  •  
    tanguy, Spain
  •  
    δημητρης, Greece
  •  
    Thomas, Greece
  •  
    Γιάννης, Greece
  •  
    Josip, Croatia
  •  
    Aravinthan, India
  •  
    Daniel, Italy
  •  
    Francesco, Italy
  •  
    Fatiha, Italy
  •  
    Bernardo, Italy
  •  
    Haider, Netherlands
  •  
    Sławomir, Poland
  •  
    Micael, Portugal
  •  
    Maria Orlanda Pereira , Portugal
  •  
    Ionut, Romania
  •  
    Matija, Serbia
  •  
    Peter, Sweden
  •  
    Williams A, Sweden
  •  
    Miso, Slovenia
  •  
    İdris, Turkey

Semi di Frutta

Semi di Charantea...

Semi di Charantea...

Prezzo 1,75 € (SKU: V 7)
,
5/ 5
<h2><strong>Semi di Charantea (Momordica charantia)</strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;"><strong>Prezzo per confezione da 5, 10, 50, 100 semi.</strong></span></h2> <p>Il giusto equilibrio di zucchero nel sangue? La momordica Charantia è una pianta tropicale proveniente dall’Asia. Il frutto chiamato anche melone amaro, contiene delle sostanze che contribuiscono ad abbassare il livello di zucchero nel sangue. Inoltre contiene un polipeptide che è simile all’insulina. Ottimo per chi deve tenere sotto controllo il livello di zucchero nel sangue (tendenza al diabete).</p> <p>Nella famiglia delle cucurbitacee sono molto comuni le cucurbitacine, principi amari che nelle specie commestibili sono state inibite. Momordica Charantia è una importante fonte alimentare in diverse regioni tropicali e in molti paesi di origine è impiegata a scopi medicinali. Momordica Charantia parti utilizzate: foglie e frutti. Proprietà: erba lassativa, diuretica, antipiretica, calma i tessuti irritati, uccide i parassiti ed elimina le tossine. Usi dell'erba in cucina: i frutti giovani si aggiungono a pietanze al curry o si consumano bolliti, crudi o fritti dopo averli lasciati in acqua bollente per togliere l'amaro. In medicina: per uso interno in caso di coliti, dissenteria, vermi intestinali, ittero e febbre. Per uso esterno in caso di emorroidi, pelle screpolata e scottature (frutto).</p>
V 7 (5 S)
Semi di Charantea (Momordica charantia)

Varietà dalla Spagna
Semi di Melone Piel De Sapo (Cucumis melo)

Semi di Melone Piel De Sapo...

Prezzo 1,85 € (SKU: V 76)
,
5/ 5
<!DOCTYPE html> <html> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> </head> <body> <h2><strong>Semi di Melone Piel De Sapo (Cucumis melo)<br /></strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;"><strong><strong>Prezzo per confezione da 20 semi.<br /></strong></strong></span></h2> <p><span>Questo melone e' un melone spagnolo dalla pelle verde zigrinata, spessa, molto protettiva. La forma e' generalmente ovale e la polpa, saporitissima, e' gialla o bianca. Ha un aroma molto intenso, dolce, succoso. Si dice essere uno dei meloni migliori disponibili.</span><br /><span>Assomiglia al melone chiamato 'Santa Klaus' e che si mangia a Natale ma non lo e'!</span><br /><span>E' quasi impossibile trovarne uno che non sappia di molto, a meno che non lo raccogliate acerbo, ovviamente! </span><br /><span>Polpa mielata, croccante, molto zuccherina, il frutto raggiunge i 3 chili. </span><br /><span>La produzione inizia a marzo (dipende anche molto dove abitate) dove potete iniziare a pianater is emi, e la raccolta a partire da Giugno.</span><br /><span>Facile da coltivare.</span></p> </body> </html>
V 76
Semi di Melone Piel De Sapo (Cucumis melo)
Esotici e rari Semi di Nero Fragola

Semi di Fragola Nera...

Prezzo 2,25 € (SKU: V 1)
,
5/ 5
<h2><strong>Semi di Fragola Nera Esotici e rari</strong></h2> <h2><strong><span style="color:#ff0000;">Prezzo per Pacchetto di 10 semi.</span></strong></h2> <p>Una deliziosa fragola nera che è completamente resistente. Perfetto per piccoli spazi o contenitori, produrrà un'abbondanza di piccoli frutti dolci, con un pizzico di ananas. Coltivazione pesante e facile da coltivare. Erba perenne densamente raggruppata con rami più dritti. 15-25 cm di altezza. Anthotaxy Cymose con polpa succosa. Richiede allentamento e diserbo a intervalli sul terreno fertile sciolto con ampi fertilizzanti organici. Favorisci il caldo e hai bisogno di umidità per vivere durante l'inverno.</p> <div> <div> <table cellspacing="0" cellpadding="0" border="1"><tbody><tr><td colspan="2" width="100%" valign="top"> <h3 align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Istruzioni per semina</strong></span></h3> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Propagation:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">Seeds</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Pretreat:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">0</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Stratification:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">0</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Sowing Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">all year round</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Sowing Depth:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">Needs Light to germinate! Just sprinkle on the surface of the substrate + gently press</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Sowing Mix:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">Coir or sowing mix + sand or perlite</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Germination temperature:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">20-25°C</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Location:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">bright + keep constantly moist not wet</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Germination Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">1 - 8 weeks</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Watering:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">Water regularly during the growing season</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> </td> <td valign="top"> <p align="center"><br /><span style="color:#008000;"><em>Copyright © 2012 Seeds Gallery - Saatgut Galerie - Galerija semena. </em><em>All Rights Reserved.</em></span></p> </td> </tr></tbody></table></div> </div>
V 1
Esotici e rari Semi di Nero Fragola

Prodotto più venduto

Varietà dal Giappone
Semi di melone Yubari King Il frutto più costoso del mondo 7.45 - 1

Semi di melone Yubari King...

Prezzo 4,95 € (SKU: V 2)
,
5/ 5
<!DOCTYPE html> <html> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> </head> <body> <h2>Semi di melone Yubari King Il frutto più costoso del mondo</h2> <h2><span style="color: #ff0000;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 5, 10, 50 semi.</strong></span></h2> <div>TOKYO A remarkably sweet canteloupe auctioned in Japan fetched a record $12,000, making it one of the most expensive canteloupes ever sold in the country.</div> <div>In a society where melons are a luxury item commonly given as gifts the jaw-dropping auction last month shocked everyone! At that auction, a pair of "Yubari" cantaloupe melons sold for a record $23,500. Wikipedia Yubari</div> <div>A pair of cantaloupes from the bankrupt city of Yubari, Hokkaido, fetched a whopping 2 million yen at the first auction of the season at the Sapporo central wholesale market, the Japan Agricultural Cooperative's Yubari unit said. The price paid by Marui Imai Inc., a Sapporo-based department store, for the upmarket produce surpassed the previous record of 800,000 yen for two cantaloupes, JA Yubari said. "Perhaps the city's designation as a financially rehabilitating entity ironically helped generate an advertising effect," said a spokesperson for the former coal town, which went bankrupt last year. "This will encourage the city a lot." </div> <div>The two melons were put on display at Marui Imai's flagship outlet priced at 1 million yen apiece. Yoshikazu Hoshino, 59, a purchasing officer at the department store, said the cantaloupes were more for publicity than profit. "We were bullish in the bidding because we're celebrating our 135th anniversary this year. We wanted as many customers as possible to see them," he said. One of the million-yen fruits has already been sold, the store said. Other shoppers were stunned by the price. </div> <div>"It's not a price I can afford," said Ryoko Hino, a 79-year-old shopper.</div> <div>So the Yubari King costs generally from 100 to 1000 € / piece.</div> <div>How to Cultivate Yubari King Melon</div> <div>Side Selection</div> <div>Try to plant in a location that enjoys full sun and remember to water often. Keep in mind when planting that Yubari King is thought of as hardy, so this plant will survive close to or on freezing temperatures. </div> <div>Soil</div> <div>The soil the melons are grown in is volcanic ash. It's not what's in the volcanic soil, but how the soil behaves. It lets growers there easily control the temperature of the soil, and the ash lets water quickly drain through, allowing for the top to remain dry, which promotes the size of the melons. Yubari King needs a potting mix soil with a ph of 6.1 to 7.5 (weakly acidic soil to weakly alkaline soil). You just buy a bag of compost and add it to your soil to feed your plants. It is not only better for them, it is also cheaper. </div> <div>Seeding:</div> <div>Try to aim for a seed spacing of at least 1.89 feet (58.0 cm) and sow at a depth of around 0.5 inches (1.27 cm). Soil temperature should be kept higher than 21°C / 70°F to ensure good germination. By our calculations, you should look at sowing Yubari King about 14 days before your last frost date.</div> <div>Ensure that temperatures are mild and all chance of frost has passed before planting out, as Yubari King is a hardy plant.</div> <div>Planting</div> <div>Melon are planted in February. The first ones are ready for harvest 105 days after planting. The growing season ends in early September. Cut away any diseased or pest damaged leaves first. This will enable the plant to put all of its energy into making a great Melon instead of making more leaves. Melons are an annual, not a perennial. They can grow more than 1 harvest but the first is always the best but if you have an heirloom and need the extra seed then let more fruit set after your first harvest. DO NOT let fruit set until AFTER your first harvest so all of the plants energy (sugars) go into the Melon(s) on the vine.</div> <div>At long last, to see flowers appearing on the vines, which mean melons are on their way! It seems like it takes forever but really it only has been a little over a month or so.</div> <div>Watering and Fertilizer You have covered this in the past but things change when the melons start to grow. You should water them every other day if your soil is well drained. Keep an eye on the top of the soil and water when the top is dry to a depth of about ½ inch. There should never be a fear of overwatering if your soil drains well and containers have holes for excess water to leave from. Remember, very dry soil sheds water like a Ducks back. It will take time for the water to soak into the soil and you will have a lot of run-off until it rehydrates. Never water with cold water since it will shock the plant a little and may slow growth or development of fruit. You may need to water every other day with 1 gal of water for every 4 cubic feet of growing medium but you might decide that you want to water less. Your local weather will also play a role. </div> <div>If you started with a soil mix of compost, you should not need to fertilize your plants. You can do however, like to add ½ tsp of Super Thrive to every 2 gallons of water. This will help them resist pests and develop much stronger. After the fruit gets to the size of a grapefruit You can use only water until harvest.</div> <div>Pollinate</div> <div>Melons will not appear out of nowhere. There needs to be a male and female flower for the Melon to form. The fruit will grow from the female flower. Male flowers are the first to appear on the plant. If you have other Melons growing in your yard then you might consider covering the Ichiba Kouji with a mosquito net to keep bees from pollinating your other melons, especially if they are heirloom. When the female flowers appear, take a male flower and place it inside the female flower or use a small dust brush and swab the inside of the male flower and then swab the female flower to pollinate. You can also let bees do this for you if you wish. Only 2 Melons (at most) should be grown on the vine at a time. Each plant should yield 4 or more Melons if you let them but they will be smaller and lower quality. “I must sacrifice the others to make the best one possible.” - Japanese Melon Grower The Japanese master growers hand pollinate three flowers and let them get to about the size of a baseball, then select the best one and let only that one grow. The others can be chopped up and added to the compost pile.</div> <div>When Melons burst! </div> <div>The inside of the melon is growing so fast that the outside can’t keep up so a crack forms. At this point, the plants sugars flow out to cover the crack and heal the melon. This is supposed to happen, in fact, if it doesn’t your doing something wrong. This is what forms the reticulation or netting. The finer the reticulation is, the juicier the inside is. </div> <div>“If the reticulation is great, the inside is great too.” – Japanese Melon Judge</div> <div>If you don’t make good netting, then you don’t make a good melon. This is where art makes an entrance. It is something that you’re going to have to experiment with to get the melon just the way you like them. If you just set it on the ground, then the melon will not form a perfect circle and the netting may be affected, not to mention bugs getting into them. If you put them on a trellis then the juices may not be evenly distributed or may become misshapen or even caught inside the trellis if you’re not careful. This is why you can use them to hang the melon so that it would not be disturbed.</div> <div>Harvesting</div> <div>After the cracking is over with and the melon is healed it is time for the next technique. Several times until you’re ready to harvest, you need to put on some cotton work gloves and rub firmly all around the melon. You should do this twice a week. For example: Monday and Thursday. The reason for doing this is to make the Melon sweeter. </div> <div>“This is called Tama Fuki. It stimulates the melon and adds sweetness.” – Japanese Melon Grower</div> <div>Melons are hard to tell when they are ripe. They stay green and on the vine. So how do you know when they are ready? </div> <div>     1. The stem is “green and strong” (dry)</div> <div>     2. The bottom of the Melon is “flexible” (slightly soft)</div> <div>     3. Should feel heavier than it looks.</div> <div>     4. You should smell the Melon aroma when in close proximity.</div> <div>Pest and Diseases:</div> <div>Quality</div> <div>To most Americans, your melon will taste just like a regular melon. A really good melon but unless they know what they have in their hands then they will most likely overlook the quality. Only when they bite into a regular store bought melon will they realize what they once held. The quality of your melon can be seen without cutting it open. If you look at a store bought melon, you will see that the “netting” or reticulation is very fine or small. A great melon will have more pronounced or thicker lines in the reticulation. This quality level depends mostly on the watering schedule that is set. Personally we found that watering every other day to work best in my area but that may change depending on your climate. Remember that melons come from a desert environment. We wish you luck in your melon growing adventures!</div> </body> </html>
V 2 5-S
Semi di melone Yubari King Il frutto più costoso del mondo 7.45 - 1
Semi di Noni (Morinda citrifolia) 1.95 - 1

Semi di Noni (Morinda...

Prezzo 2,20 € (SKU: V 3)
,
5/ 5
<h2><strong>Noni Semi (Morinda citrifolia , Rubiaceae)</strong></h2> <h2><span style="color:#ff0000;"><strong>Prezzo per confezione da 5 semi.</strong></span></h2> <p>Noni (Morinda citrifolia) è una pianta appartenente alla famiglia delle Rubiaceae. È conosciuta anche come Gelso indiano, Nonu, Nono, Bumbo, Lada, Munja, e Canary Wood. Il Noni è un piccolo albero sempreverde, con altezza di solito compresa tra 3 e 6 m (eccezionalmente fino a 10).</p> <p>Le foglie sono ellittiche o ovate e piuttosto grandi (da 20 a 45 cm).</p> <p><strong>Giovani frutti e fiori di Morinda citrifolia</strong></p> <p>I fiori sono "perfetti", contengono cioè sia l’apparato maschile (polline) che femminile (ovario). Essi sono forniti di 5 petali (anche 6) e sono riuniti in infiorescenze globose. Quando i fiori appassiscono e cadono, lasciano sulla massa sottostante delle cicatrici chiamate "occhi", circondate da una marcatura pentagonale o esagonale (a seconda di quanti petali aveva il fiore).</p> <p>Ciò che viene chiamato frutto è in realtà un sincarpo, cioè la fusione di molti piccoli frutti in un'unica massa (come accade per le more di gelso).</p> <p>I frutti del Noni nascono sullo stesso ramo in tempi successivi per cui si possono avere dei frutti maturi, frutti acerbi, frutti in fiore e boccioli che daranno origine a nuovi frutti. Il Noni è una delle poche piante che produce fiori in presenza del frutto e produce frutti in tutti i mesi dell'anno.</p> <p>Il frutto del Noni, attraverso le sue fasi di maturazione, assume un colore verdastro che man mano tende al giallo per diventare giallo biancastro e traslucido nella piena maturazione. Quando è maturo, è lungo 5–10 cm, è tenero e purtroppo esala un odore sgradevole, che richiama alla mente l’odore del formaggio maturo.</p> <p><strong>Disegno del frutto del Noni</strong></p> <p>Si ritiene che la diffusione del Noni in un'ampia area geografica sia dovuta alla particolarità dei semi che, dotati di una sacca d’aria, possono galleggiare sull’acqua per mesi restando vitali e, portati dalle correnti, possono percorrere grandi distanze.</p> <p>Le radici hanno una forte capacità di espandersi lateralmente. Nelle Hawaii si trovano spesso piante che affondano le loro radici nella roccia lavica solidificata e sprofondano negli anfratti per trovare nutrimento ed acqua.</p> <p><strong>Distribuzione </strong></p> <p><strong>Areale d'origine </strong></p> <p>Morinda citrifolia è originaria del sud-est asiatico, tropicale e temperato-caldo, dall'India fino a Taiwan e fino all'Australia settentrionale.</p> <p>La specie si è inselvatichita in altre aree dove è stata portata dall'uomo.</p> <p><strong>Area di coltivazione</strong></p> <p>Questa pianta prospera in tutto il mondo in un’ampia varietà di ecosistemi tropicali e temperato-caldi.</p> <p>Secondo Agroforestry (v.bibliografia) è necessaria una temperatura media annua tra i 20 °C e i 35 °C.</p> <p>Per quanto riguarda gli altri fattori ambientali, l'adattabilità del Noni è molto spinta. Può essere coltivato su tutti i tipi di suoli, acidi, neutri o alcalini, e resiste anche a elevate concentrazioni saline, per cui è possibile trovarlo in prossimità delle spiagge. Sopporta esposizioni soleggiate e in ombra e climi aridi o umidi (precipitazioni atmosferiche comprese tra 250 e 4000 mm annui).</p> <p>Oggi il Noni è presente in tutta la fascia tropicale: nei Caraibi, in Polinesia, in Africa, in India ecc.</p> <p>Il massimo centro di coltivazione è la Polinesia, in particolare Tahiti. Alcuni sostengono che le piante del Noni troverebbero in Polinesia il loro habitat ideale, grazie al suolo vulcanico di antica origine con un basso contenuto di metalli pesanti e alla totale assenza di inquinamento. In ogni caso, la raccolta e la trasformazione dei frutti di Noni in queste isole ha una storia plurisecolare e offre oggi uno sbocco alternativo all’economia locale nonché una possibilità occupazionale per le nuove generazioni.</p>
V 3
Semi di Noni (Morinda citrifolia) 1.95 - 1
Semi di Rambutan (Nephelium Lappaceum) Frutta esotica

Semi di Rambutan (Nephelium...

Prezzo 4,95 € (SKU: V 4)
,
5/ 5
<h2><strong>Semi di Rambutan (Nephelium Lappaceum) Frutta esotica</strong></h2> <h2><span style="color:#ff0000;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 2 semi.</strong></span></h2> <div>Il rambutan appartiene alla famiglia delle Sapindacee, al genere Nephelium ed alla specie lappaceum. È un albero di media-grossa taglia, alto fino a 10-20 m, con una chioma densa e foglie sempreverdi, alterne, lunghe 10-30 cm, pennate, composte da 2-4 paia di foglioline ellittiche o ovate, di color verde scuro brillante, con un margine intero. I fiori sono apetali, piccoli e riuniti in pannocchie ascellari e terminali larghe 15-30 cm; i fiori possono essere di sesso separato, portati o meno sulla stessa pianta, ed anche ermafroditi. L’impollinazione è entomofila, operata da api, mosche e farfalle, soltanto l’1-3 % dei fiori allega; se eseguita artificialmente la percentuale di allegagione dei frutti raggiunge il 13 %. Il frutto è una drupa sferica o ovale, lunga 3-6 cm e larga 3-4 cm e di colore variabile; i frutti sono riuniti in gruppi di 10-20 in grappoli pendenti. L’epidermide è cuoiosa e rivestita da spine flessibili, la polpa, o arilo, è traslucida, biancastra o rosa pallida, succosa e con un sapore dolce-acidulo. L’unico seme è marrone, morbido, misura 2-3 cm, con una cicatrice basale bianca e può essere moderatamente velenoso se aperto, però viene cotto e mangiato. </div> <div>Clima e terreno</div> <div>Il rambutan preferisce i climi tropicali umidi, a differenza del lici non è in grado di adattarsi ai climi temperati caldi, risulta sensibile alle temperature inferiori ai 10 °C. In Malesia il rambutan fiorisce da marzo a luglio e, nuovamente, da luglio a novembre di solito in risposta a piogge seguite da un periodo asciutto. Questa pianta predilige terreni sciolti, profondi, subacidi, ben drenati e ricchi di sostanza organica, mentre rifugge i suoli compatti e soggetti a ristagni idrici. Il rambutan è originario dell’arcipelago malese, viene coltivato in tutto il sud est asiatico, in Africa, in America centrale, in Australia, nelle Filippine e alle Hawaii.</div> <div>Varietà</div> <div>La maggior parte delle cultivar commerciali ha i fiori ermafroditi, queste, a differenza di quelle femminili, non necessitano di impollinatori maschili. In passato la propagazione veniva effettuata prevalentemente per seme, ciò ha portato ad una certa eterogeneità varietale, che si manifesta specialmente nei frutti. Le cultivar Lebakbooloos, Seematijan e Seenjonja hanno un frutto rosso, nella varietà Seetangkooweh la drupa è bianco-giallina e il gruppo varietale Atjeh Koonig presenta una buccia gialla. Alcune cultivar, come Seelengkeng, assomigliano al lici in quanto l’epidermide presenta delle estroflessioni corte. Altre varietà diffuse nel sud est asiatico sono Oh heok, Deli cheng, Maharlika, Jit lee, Rongrien, Chompon e Penang.</div> <div>Propagazione</div> <div>Il rambutan si moltiplica per seme, per innesto, per margotta aerea e per talea; le piantine ottenute da seme sono molto eterogenee, hanno una lenta messa a frutto, generalmente non prima del 5°-6° anno, ed i semi sono generalmente aspri. Per accorciare l’entrata in produzione sui semenzali di almeno un anno di età vengono innestate le cultivar migliori. La margotta aerea consiste nell’incidere un ramo per poi ricoprirlo con della plastica nera contenente terra o torba inumidita al fine di favorire la radicazione in prossimità dell’incisione. Le piante ottenute col metodo della talea entrano in produzione al 2°-3° anno, raggiungendo fruttificazioni ottimali dopo 8-10 anni.</div> <div>Tecniche di coltivazione</div> <div>Le distanze di piantagione variano da 8 a 10 m in quadro, esse sono piuttosto ampie perché il rambutan necessita di luce per fornire una fruttificazione uniforme. La maggior parte delle cultivar impiegate hanno un habitus di crescita compatto, raggiungendo un’altezza massima di 3-5 m, rendendo così possibile la raccolta da terra. La concimazione consiste nel somministrare la quantità annua per pianta di azoto, fosforo e potassio, che, nel caso di alberi adulti, corrisponde rispettivamente a 1 kg, 0,3 kg e 1,4 kg. Il rambutan di solito non viene irrigato perché la sua diffusione è limitata ai climi tropicali umidi in prossimità dell’equatore, dove le precipitazioni sono abbondanti e ben distribuite durante l’arco dell’anno.</div> <div>Raccolta ed utilizzo</div> <div>I frutti maturano 15-18 settimane dopo la fioritura, il rambutan fruttifica due volte l’anno, la prima produzione avviene a fine autunno inizio inverno e la seconda in tarda primavera e all’inizio dell’estate. Il frutto viene raccolto a maturazione completa durante un periodo di 4-7 settimane, un frutteto adulto può produrre 20 t/ha. I frutti freschi hanno una vitalità breve, quelli destinati ai mercati sono stati raccolti uno alla volta staccandoli dal ramo e risultano sensibili ad attacchi di insetti ed ai marciumi. Il rambutan ha una qualità elevata se si raccoglie il singolo grappolo senza staccare i frutti dai rami, in questo modo si mantiene più fresco ed è meno sensibile ai parassiti; se venduto a grappolo conserva il suo vero sapore per cui si adatta meglio al consumo. Il seme è ricco di grassi e oli, pregiato per l’industria ed impiegato per la fabbricazione delle candele e dei saponi. Le foglie possono essere utilizzate contro il mal di testa e le radici vengono bollite ed impiegate per curare la febbre. <table cellspacing="0" cellpadding="0" border="1"><tbody><tr><td colspan="2" width="100%" valign="top"> <p><span><strong>Sowing Instructions</strong></span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Propagation:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Seeds</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Pretreat:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Soak seeds in water and leave it for one night.</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Stratification:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>all year round</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Depth:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Place the seeds on the soil moist.</span><br /><span>Cover with a thin soil.</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Mix:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Coir or sowing mix + sand or perlite</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination temperature:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>20-25 ° C</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Location:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>bright + keep constantly moist not wet</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>1-8 weeks</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Watering:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Watering in the morning every day.</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong> </strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><br /><span><em>Copyright © 2012 Seeds Gallery - Saatgut Galerie - Galerija semena. </em><em>All Rights Reserved.</em></span></p> </td> </tr></tbody></table></div>
V 4
Semi di Rambutan (Nephelium Lappaceum) Frutta esotica
Semi Goumi del Giappone (Elaeagnus umbellata) Hardy -40C 2.45 - 1

Semi Goumi del Giappone...

Prezzo 2,45 € (SKU: V 5)
,
5/ 5
<!DOCTYPE html> <html> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> </head> <body> <h2><strong>Semi Goumi del Giappone Hardy -40C (Elaeagnus umbellata)</strong></h2> <h2><span><strong><span style="color: #ff0000;">Prezzo per confezione da 5 semi.</span><br /></strong></span></h2> <div>Originario dell’Est Asiatico e diffuso in tutte le regioni temperate, l’Eleagnus Umbellata appartiene allo stesso genere dei comuni Eleagnus presenti in quasi tutti i giardini sia la varietà verde, Eleagnus Ebbingei, sia quella con le foglie macchiate di giallo, Eleagnus Ebbingei Maculata, per  formare siepi o come esemplari isolati. </div> <div>Vigoroso e disordinato arbusto a foglia caduca, insensibile ai fortissimi freddi, molto resistente alla siccità e ai venti, tanto da essere usato per piccoli frangivento, adattabile ai climi marittimi come quelli montani, il Goumi del Giappone è una pianta molto rustica, adattabile a tutto e con nessuna esigenza. Ha solo bisogno della luce e del sole, difatti in ombra cresce in maniera molto scarsa, con vegetazione rada che tende a “filare” e fa pochissimi, se non nulla, fiori.</div> <div>Le foglie sono lanceolate di colore verde chiaro e sono caratteristicamente ricoperte di numerosissimi piccoli puntini bianchi che, specialmente in primavera, conferiscono al cespuglio una piacevole sfumatura grigio-verde. In corrispondenza delle ascelle fogliari è facile trovare le cosiddette spine caulinari che si differenziano da quelle delle comuni rose in quanto queste sono piccoli rametti ascellari, lunghi uno-tre centimetri, la cui vegetazione non è stata in grado di svilupparsi e si sono cosi trasformati in piccoli legnetti appuntiti molto resistenti.</div> <div>TERRENO</div> <div>Il miglior sviluppo la pianta lo dà con terreni tendenzialmente acidi e fertili, ma riesce a vegetare anche in quelli completamente opposti. Si vedono bellissimi esemplari nei giardini in riva al mare o in terreni poveri e sassosi, come in zone umide e piovose ovvero in quelle molto aride.</div> <div>Questo dipende da particolari bolle presenti nelle radici,  che sono l’accumulo dell’azoto presente nell’atmosfera, che la pianta, attraverso le foglie, riesce ad immagazzinare ed utilizzarlo quando le condizioni ambientali non sono favorevoli (fenomeno noto come azotofissazione). Di questa particolarità ne usufruiscono anche le piante vicine e il terreno tende a diventare più fertile. Un esempio il trifoglio, anch’esso con questa caratteristica, usato nelle campagne come sovescio, che è la pratica agricola con la quale si interrano quelle determinate colture, generalmente le leguminose, che sono in grado di assorbire l’azoto atmosferico, al fine di aumentarne la fertilità.</div> <div>FIORI E FRUTTI</div> <div>I fiori, che appaiono in primavera dopo le foglie, sono singoli, ma raggruppati in 8/10 ognuno con il proprio picciolo piuttosto lungo, di colore bianco che vira al giallo quando appassiscono, dalla forma di un tromboncino lungo poco meno di due centimetri alla cui sommità, una volta sbocciati, si aprono quattro “finti petali”  triangolari disposti a croce su un unico piano con al centro, disposti in maniera geometricamente perfetta, quattro stami ben visibili.</div> <div>I fiori ermafroditi e autofertili, sono profumatissimi e diffondono attorno alla pianta una piacevolissima fragranza percepibile per tutta la giornata, sono anche ricchi di nettare e sono facilmente visitati dalle api che con il loro lavoro garantiscono una perfetta impollinazione.</div> <div>Alla fine dell’estate compaiono i frutti che sono molto numerosi al punto da ricoprire tutto il ramo conferendogli un aspetto molto particolare; hanno forma globosa e come le foglie sono ricoperte di piccolissimi puntini bianchi. Al loro interno si trova un grosso seme facilmente separabile, comunque edule anch’esso.</div> <div>UTILIZZO E CONTENUTI SALUTISTICI</div> <div>I frutti una volta raccolti sono facilmente conservabili per un paio di settimane e vengono di solito consumati freschi, ma sono ottimi anche per marmellate anche se la preparazione è piuttosto difficoltosa per la presenza dei semi.</div> <div>Ricchi di vitamina C, hanno una rilevante quantità di zuccheri con 5% di proteine e moltissimi sali minerali. Caratteristica unica per un frutto è la presenza, nella sua polpa, degli acidi grassi essenziali, che sono quelli che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare da altre sostanze, ma essendo ritenuti indispensabili, devono essere introdotti tramite alimenti che li contengono (serie Omega3 e Omega6).</div> <div>POTATURE E CURE COLTURALI</div> <div>Arbusto dalla crescita vigorosa e disordinata richiede una potatura invernale di contenimento e di diradamento, ma che non è indispensabile in spazi aperti. Se s’interviene, si devono togliere i rami più vecchi a favore dei nuovi e tra questi ultimi scegliere i più robusti, ma che siano anche i più corti. Accorciare il ramo tagliandone la punta, porterebbe a una pesante globalizzazione dell’arbusto con la possibile formazione di nuove lunghe vegetazioni che potrebbero non portare gemme da fiore.</div> <div>Concimazioni e innaffiature sono quelle solite fino all’affrancamento della pianta, quindi solo in casi di estrema siccità.</div> <div>Tra i parassiti è facile trovare l’oziorinco (vedi mirtillo gigante americano) e sporadici attacchi di afidi, mentre, ma solo con condizioni atmosferiche pessime, i frutti potrebbero essere colpiti dal fungo Botrytis Cinerea (muffa grigia).</div> <div> <table border="1" cellspacing="0" cellpadding="0"> <tbody> <tr> <td colspan="2" valign="top" width="100%"> <p><span><strong>Sowing Instructions</strong></span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Propagation:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Seeds / Cuttings</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Pretreat:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Pour hot water over the seeds and put them in water 6 hours.</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Stratification:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>about 3-4 months in a moist substrate at 2-5 ° C in a refrigerator or cold house</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>all year round</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Depth:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>1 cm</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Mix:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Coir or sowing mix + sand or perlite</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination temperature:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>about 20-23 ° C.</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Location:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>bright + keep constantly moist not wet</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Germination takes up</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Watering:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Water regularly during the growing season</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong> </strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><br /><span>Seeds Gallery 05.11.2012.</span></p> </td> </tr> </tbody> </table> </div> </body> </html>
V 5
Semi Goumi del Giappone (Elaeagnus umbellata) Hardy -40C 2.45 - 1
Semi Mirtillo Siberiano...

Semi Mirtillo Siberiano...

Prezzo 2,50 € (SKU: V 6)
,
5/ 5
<!DOCTYPE html> <html> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> </head> <body> <h2><strong>Semi Mirtillo Siberiano (Lonicera caerulea) Rustica -40C</strong></h2> <h2><strong><span style="color: #ff0000;">Prezzo per confezione da 5 semi.</span></strong></h2> <div>impatico arbusto a  foglia  caduca  di  modeste  dimensioni,  molto  longevo, originario  della  penisola  asiatica  della  Kamchatka,  la  Lonicera  Caerulea  Kamtschatica,  impropriamente  chiamata  Mirtillo  Siberiano, abituata  ai  climi  gelidi  del  mare  di  Bering,  diffusissimo  in  Russia  e  in  Giappone dove  cresce  allo  stato  selvatico,  ben  sopporta  i  nostri  climi  tollerando  tranquillamente  anche  i  -40°C. </div> <div>Anche  i  fiori  sono  indifferenti  alle  gelate  tardive e  riescono  a  legare  anche  con  punte  di  freddo    di  -10 °C.</div> <div>TERRENO</div> <div>Contrariamente  a  quasi  tutti  i  veri  mirtilli  (Vaccinium  Myrtillus) che  prolificano  solo  in  substrati  acidi,   il  mirtillo  siberiano si  adatta  a  tutti  i  terreni  anche  se  preferisce  quelli  tendenti  all’acido;  è infatti  presente  allo  stato  selvatico  nelle  zone  calcaree  del  nord-est  dell’Asia  e  dell’America settentrionale.  </div> <div>FIORI E FRUTTI</div> <div>Il  mirtillo  siberiano  delizia  gli  appassionati  sia  per  la  profusione  di  piccoli  e  profumati  fiori giallo delicato a  inizio  primavera  che  per  la  produzione  di  una  notevole  quantità  di  dolci  frutti,  5/7  kg  per  pianta  adulta,  simili  a  bacche.  </div> <div>Sono autoimpollinanti,  però  per  una  maggiore  produzione  è  consigliabile  la  vicinanza di  due  o  più  piante  anche  della  stessa  varietà per favorire l’impollinazione incrociata.</div> <div>I  frutti  del mirtillo  siberiano  sono  simili  per  forma  e  per  colore  a  quelli  del  mirtillo  comune, (da  qui  il  nome  volgare),  stretti  e allungati,  possono  superare  i  due  centimetri  di  lunghezza  e  si  formano  sui  rami  di  uno  o  due  anni.  </div> <div>Raggiungono  la  piena  maturazione  nei  nostri  climi  generalmente  10/15  giorni  prima  delle  fragole  diventando  il  primo  frutto  naturale  da  cogliere della  stagione. </div> <div>UTILIZZO E CONTENUTI SALUTISTICI</div> <div>Ottimi sia mangiati appena colti che per la preparazione di confetture, succhi, ecc., hanno  buccia sottile  e  semi  molto  piccoli  che  non  infastidiscono  mangiandoli. Ideali  per  la  preparazione  di   gustosi  gelati perché  non  lasciano  residui  fastidiosi  nelle  creme.</div> <div>Come  la  banana  di  montagna  (vedi Asimina  Triloba) anche  il  gusto  del  mirtillo  siberiano  è  difficilmente  descrivibile  perché  non  rientra,  per  ora,  nei  nostri  gusti   tipici  cui  siamo  abituati:  è  un  insieme  di  sapori  che  richiamano  il  ribes,  rabarbaro,  mirtillo,  lampone e  che,  secondo  il   grado  di  maturazione,  spaziano  dal    dolce,  acidulo   o  amarognolo.</div> <div>Ricchi  di  vitamina  C e D,  hanno  un  alto  contenuto  di  potassio,  con  Ca, P, Mg, Na  in  minor  quantità.  Notevole  la  presenza  di  antociani   che  sono dei composti  dal   forte  potere  antiossidante  e  anti radicalica  utili  contro  lo  sviluppo  dell’invecchiamento  o  cambiamenti  cellulari  provocati  dall’ossigeno,  tra  cui  processi  infiammatori  e  modificazioni  cancerogene; hanno inoltre notevoli proprietàcapillarotrope (vedi Mirtillo Gigante Americano). </div> <div>POTATURE E CURE COLTURALI</div> <div>Fruttificando  sui  rami  giovani  la potatura risulta molto facile:  è  sufficiente eliminare  i  rami  vecchi  ovvero  quelli  che  disturbano  l’aspetto  estetico lasciando un numero di rami giovani proporzionato alla grandezza della pianta.</div> <div>Consideraa  pianta  biologica,  come  la  Asimina  Triloba (vedi),   a  oggi  non  conosce  parassiti  animali  e  fungini  e  non  richiede  di  conseguenza  alcun  tipo  di   trattamento.</div> <div>Il  rivestimento  ceroso  che  avvolge  i  frutti  maturi  (la  pruina)  e  la  lanugine  che  copre  la  foglia  prima  della caduta  invernale   possono  sembrare  a  un  osservatore  superficiale  residui  di  trattamenti:  è  invece  un  prodotto  secreto  dalle  cellule  superficiali  per  proteggersi  dai  raggi  ultravioletti  impedendo  così  anche  un’eccessiva  disidratazione. </div> <div>Importante  per  i  primi  due  o  tre  anni  curare  le  innaffiature,  quando  l’apparato  radicale  sarà  ben  sviluppato,  non  sarà  più  necessario  se  non  in  caso  di  estrema  siccità. </div> <div>Un  buon  concime  ternario  ben  integrato  con  microelementi  oppure  del  concime  organico  molto  maturo  (ricordiamoci  che  gradisce  i  terreni  tendenzialmente  acidi)  dato  a  inizio  stagione  è    sufficiente  per  il  buon  mantenimento  della  pianta  e ottenere  un’abbondante  raccolta  di  frutti; ma  protendendo    a  una  precoce  caduta  fisiologica delle  foglie,  manterremo  il  bel  fogliame  sino  ad  autunno  inoltrato con  un’altra  concimazione  ai  primi  di  agosto  (non  oltre).</div> <div>Propagation of Lonicera caerulea: </div> <div>Seed - best sown as soon as it is ripe in a cold frame. Stored seed requires 2 months cold stratification and should be sown as soon as possible in a cold frame. When they are large enough to handle, prick the seedlings out into individual pots and grow them on in the greenhouse for at least their first winter. Plant them out into their permanent positions in late spring or early summer, after the last expected frosts. Cuttings of half-ripe wood, 7 - 10cm with or without a heel, July/August in a frame. Good percentage. Cuttings of mature wood of the current season's growth, 15 - 20cm with or without a heel, November in a cold frame. Good percentage. Layering in autumn.</div> </body> </html>
V 6
Semi Mirtillo Siberiano (Lonicera caerulea) Rustica -40C
Semi di Fragola  Alpine - White Soul

Semi di Fragola Alpine -...

Prezzo 5,50 € (SKU: V 9 W)
,
5/ 5
<!DOCTYPE html> <html> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> </head> <body> <h2><strong>Semi di Fragola  Alpine - White Soul</strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;"><strong>Prezzo per confezione da 5, 50, 100<strong>, 500 </strong>semi.</strong></span></h2> <p>Erbe perenni, tEgli White Soul viene detto a combinare la forma e la consistenza di un fragola con un sapore e odore più vicino a quello di Vanilla. Cresciutoin di serre, White Soul ricominciare verde, tornitura gradualmente paler come essi maturano.</p> <p>Quando la frutta è molto dolce e succosa abbastanza da mangiare, la carne viene quasi completamente bianca costellata ma con semi rossi-il contrario della solita serie.</p> <div> <table border="1" cellspacing="0" cellpadding="0"> <tbody> <tr> <td colspan="2" valign="top" width="100%"> <p align="center"><span><strong>Sowing Instructions</strong></span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span><strong>Propagation:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span>Seeds</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span><strong>Pretreat:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span>0</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span><strong>Stratification:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span>0</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span><strong>Sowing Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span>all year round</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span><strong>Sowing Depth:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span>Needs Light to germinate! Just sprinkle on the surface of the substrate + gently press</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span><strong>Sowing Mix:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span>Coir or sowing mix + sand or perlite</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span><strong>Germination temperature:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span>20-25°C</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span><strong>Location:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span>bright + keep constantly moist not wet</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span><strong>Germination Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span>1 - 8 weeks</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span><strong>Watering:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span>Water regularly during the growing season</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> </td> <td valign="top"> <p align="center"><br /><span><em>Copyright © 2012 Seeds Gallery - Saatgut Galerie - Galerija semena. </em><em>All Rights Reserved.</em></span></p> </td> </tr> </tbody> </table> </div> </body> </html>
V 9 W 50-S
Semi di Fragola  Alpine - White Soul
Semi di Cirimoia (Annona cherimola)  - 6

Semi di Cirimoia (Annona...

Prezzo 2,25 € (SKU: V 10 AC)
,
5/ 5
<h2><strong>Semi di Cirimoia (Annona cherimola)</strong></h2> <h2><span style="color:#ff0000;"><strong>Prezzo per confezione da 5 semi.</strong></span></h2> <p>L'Annona cherimola è una pianta originaria degli altipiani andini di Perù, Ecuador, Colombia e Bolivia, oggi diffusa anche in Cile, California, Florida, Africa del sud e in vari paesi del Mediterraneo.</p> <p>Il suo frutto nella terra d' origine è chiamato "chirimuya", da cui la traslitterazione italiana cirimoia, ma è volgarmente nota anche con l'appellativo inglese "cherimoya" o erroneamente "anona" (che però indica anche il frutto di tutte le specie di genere Anona). Particolare il frutto attaccato all'albero con un tratto di ramo, non un semplice peduncolo. Contiene un elevato numero di semi. Matura da aprile.</p> <p><strong>Coltivazione</strong></p> <p>In Europa la cirimola è ampiamente disponibile sui mercati a prezzi modici solo in Spagna, provenienti da notevoli estensioni di terra nella valle diAlmuñécar, a Sud della Sierra Nevada.</p> <p>In Italia, invece, la disponibilità di questo frutto è scarsa e disponibile solo nelle grandi città, ad eccezione delle poche zone dove può essere coltivata (Reggio Calabria e tutta la zona costiera che va da Bagnara Calabra a Gioiosa Ionica, nonché nella Sicilia orientale, nella zona diRoccalumera); altrove è presente solo a prezzi notevoli come curiosità esotica, di norma proveniente dalla Spagna. Predilige i versanti collinari esposti a Sud e prossimi al mare.</p> <p><strong>Nota: a causa dell'origine ad altitudini fino a 1.900 m, sono tollerate temperature fino a -6 ° C.</strong></p> <p><strong>Istruzioni di semina</strong></p> <ul><li>Pretrattare: versare acqua calda sui semi + immergere per circa 24-48 ore</li> <li>Tempo di semina: tutto l'anno</li> <li>Profondità di semina: 1 cm</li> <li>Miscela di semina: miscela di cocco o di semina + sabbia o perlite</li> <li>Temperatura di germinazione: 25 ° C +</li> <li>Luogo: luminoso + mantenere costantemente umido, non bagnato</li> <li>Tempo di germinazione: circa 2-6 settimane</li> </ul>
V 10 AC
Semi di Cirimoia (Annona cherimola)  - 6
Semi di Carambola -...

Semi di Carambola -...

Prezzo 4,00 € (SKU: V 11)
,
5/ 5
<!DOCTYPE html> <html> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> </head> <body> <h2><strong>SEMI DI CARAMBOLA - AVERRHOA CARAMBOLA L.</strong></h2> <h2><strong><span style="color: #ff0000;">Prezzo per confezione da 2 semi.</span></strong></h2> <div>L'Averrhoa carambola, appartenente alla Famiglia delle Oxalidaceae, è un albero originario dello Sri Lanka, dell'India e delle Isole Molucche; diffuso in tutto il Sud-est asiatico, viene coltivato anche in Brasile, Ghana, Guyana e nella Polinesia francese. Il frutto (carambola) ha un bel colore di colore giallo-arancio, e si riconosce facilmente per la sezione a stella a cinque punte.</div> <div>Tecnica colturale</div> <div>E una pianta molto delicata, tipica dei climi tropicali, ma in Sicilia riesce a produrre anche in pieno campo se riparata bene.</div> <div>Produzioni</div> <div>Il frutto (Carambola o Star-fruit), a maturazione ottimale, ha un bel color giallo-arancio. Nei luoghi di origine viene consumato anche verde, spremuto nelle pietanze come un limone o a fette nelle insalate. Il gusto della carambola è un misto di diversi frutti, come limone, ananas, prugna. </div> <div>Esistono due varietà di carambola: a frutto acido e dolce; quest’ultimo è esportato in Italia, specie nel periodo natalizio. Grazie alla sua forma originale, viene impiegato come guarnimento in pasticceria e nelle preparazione di bevande dal gusto esotico. Prelibati sono i liquori che si distillano dal succo di carambola, mentre la polpa può anche essere trasformata in canditi. </div> <div>Contiene fenoli e flavonoidi quali acido gallico, catechina, epicatechina e proantociandine e ha trovato impiego nella medicina tradizionale per il trattamento di alcuni stati patologici, come cefalea, nausea, tosse, insonnia, ipertensione e diabete.</div> <div> <table border="1" cellspacing="0" cellpadding="0"> <tbody> <tr> <td colspan="2" valign="top" width="100%"> <p><span><strong>Sowing Instructions</strong></span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Propagation:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Seeds </span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Pretreat:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Stratification:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>all year round</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Depth:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0.5 - 1 cm</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Mix:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Coir or sowing mix + sand or perlite</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination temperature:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>about 22-25 ° C.</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Location:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>bright + keep constantly moist not wet</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>3-6 weeks</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Watering:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Water regularly during the growing season</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong> </strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><br /><span>Copyright © 2012 Seeds Gallery - Saatgut Galerie - Galerija semena. All Rights Reserved.</span></p> </td> </tr> </tbody> </table> </div> </body> </html>
V 11
Semi di Carambola - Averrhoa carambola L.
Semi di Pitahaya gialla

Semi di Pitahaya gialla

Prezzo 2,50 € (SKU: V 12 Y)
,
5/ 5
<!DOCTYPE html> <html> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> </head> <body> <h2><strong>Semi di Pitahaya gialla (Hylocereus undatus)</strong></h2> <h2><strong><span style="color: #ff0000;">Prezzo per confezione da 5 o 10 semi.</span></strong></h2> <div>La pitahaya appartiene alla famiglia delle Cactacee ed al genere Hylocereus, comprendente diverse specie, in base al frutto le più importanti sono la pitahaya rossa (Hylocereus undatus), la pitahaya gialla (Hylocereus megalanthus) e la pitahaya del Costa Rica (Hylocereus costaricensis).</div> <div>È una pianta epifita, per cui vive su altre piante che fungono da sostegno, con portamento ricadente, strisciante o rampicante, avente uno stelo molto ramificato dalla forma cilindrica o triangolare, con un diametro di 10-12 cm, in grado di svolgere la fotosintesi e rivestito da piccole areole di spine soffici di colore bianco; presenta inoltre ben poche costolature appena accentuate. L'epidermide del fusto è ricoperta di uno strato ceroso avente lo scopo di ridurre la traspirazione, le radici sono superficiali e robuste. La pianta sviluppa dei fiori composti molto grandi, lunghi fino a 30 cm e larghi 15-17 cm, con molti petali di colore verdastro, giallo o biancastro. La fioritura è piuttosto breve e generalmente avviene di notte, con un’impollinazione effettuata dai pipistrelli o dalle falene (farfalle notturne), la pianta produce diversi fiori in sequenza di tempo, ed in clima adatto ci possono essere più periodi di fioritura all'anno, nei climi temperati caldi fiorisce in estate o in autunno. La pianta è generalmente autosterile, il polline impiegato per la fecondazione proviene da altre piante di pitahaya.</div> <div>Frutti</div> <div>Il frutto, detto anche dragon fruit, pesa 150-600 g, lungo 6-12 cm e largo 4-9 cm, ha un colore variabile, una forma allungata o ovale, con una polpa cremosa, caratterizzata da un aroma delicato e contenente numerosissimi semi neri che sono commestibili. I dragon fruit, a seconda del colore esterno e della polpa, si distinguono in pitahaya rossa, pitahaya del Costa Rica e pitahaya gialla.</div> <div>I frutti della prima sono rossi con la polpa bianca, la pitahaya del Costa Rica presenta una polpa rossa, mentre quella gialla esternamente assume questa colorazione che all’interno è bianca.</div> <div>La pitahaya rossa è ovale, invece quella gialla presenta una forma più allungata e delle spine sull’epidermide.</div> <div>Clima</div> <div>La pitahaya preferisce i climi tropicali e subtropicali, però è in grado di adattarsi ai climi temperati caldi, tollera temperature fino a 45 °C e vegeta abbastanza bene a 8-10 °C, valori termici prolungati appena inferiori allo zero provocano gravissimi danni o la morte della pianta. La pitahaya deve essere posizionata in un luogo molto luminoso e poco arieggiato per tutto l'anno, si sconsigliano esposizioni al sole diretto; teme i venti freddi. Queste specie crescono bene su terreni aridi, sciolti, ben drenati e poveri di sostanza organica, nel caso della coltivazione in vaso va aggiunta della torba. La pianta è originaria delle foreste tropicali, ove utilizza gli alberi come sostegni ed è in grado di arrivare fino a 10 m di altezza, è diffusa nell’America centrale e nelle aree settentrionali del sud America, è coltivata anche nel sud-est asiatico, in Cina, in Australia ed in Israele.</div> <div>Tecniche di coltivazione</div> <div>La pitahaya si moltiplica prevalentemente per talea, un pezzo di stelo messo a dimora emette le radici molto rapidamente. La propagazione per seme raramente è utilizzata, in questo caso i semi devono essere sovramaturi e vanno posti in un terreno ben drenato e ricco di torba, la germinazione avviene a 14-28 giorni dalla semina a temperature di 18-21 °C. La pianta una volta messa a dimora necessita di sostegni a causa della sua natura epifitica. La concimazione può essere fatta una volta al mese impiegando dei concimi contenti tutte le sostanze nutritive necessarie. La pitahaya ha un’elevata resistenza alla siccità, però con l’irrigazione è in grado di dare una fruttificazione costante durante l’anno; gli apporti d’acqua devono essere regolari durante la crescita vegetativa, mentre diminuiscono in prefioritura, in modo da permettere la fuoriuscita dei fiori, e durante la stagione fredda. Bisogna tenere conto che eventuali ristagni idrici e le precipitazioni abbondanti possono causare cascola dei fiori e marciume dei frutti. La raccolta avviene 30-50 giorni dopo la fioritura, nei climi tropicali ci possono essere fino a 5-6 cicli di raccolta all’anno, in Vietnam alcune aziende producono 30 t/ha di frutti ogni anno. La pitahaya è poco soggetta ad attacchi di parassiti, i più comuni sono il batterio Xanthomonas campestris, che provoca marciume allo stelo, ed il fungo Dothiorella, che si instaura con macchie brune sui frutti; quest’ultimi possono essere danneggiati dagli uccelli.</div> <div>Utilizzo</div> <div>La pitahaya può essere utilizzata sia come pianta da appartamento che per la produzione di frutti, per il consumo fresco il dragon fruit va tagliato a metà, la polpa è molto ricca di semi, dolce e soffice. La pitahaya viene impiegata nell’industria dolciaria e nella preparazione di bevande, oltre ad essere consumata come un gelato. Il dragon fruit è particolarmente ricco di vitamina C e sostanze antiossidanti.</div> <div> <table cellspacing="0" cellpadding="0" border="1"> <tbody> <tr> <td colspan="2" width="100%" valign="top"> <p><span><strong>Sowing Instructions</strong></span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Propagation:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Seeds / Cuttings</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Pretreat:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Stratification:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>all year round</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Depth:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Light germinator! Just sprinkle on the surface of the substrate + gently press</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Mix:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Coir or sowing mix + sand or perlite</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination temperature:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span> about 25-28 ° C</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Location:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>bright + keep constantly moist not wet</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span> 2-4 Weeks</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Watering:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Water regularly during the growing season</span></p> </td> </tr> <tr> <td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong> </strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><br /><span>Copyright © 2012 Seeds Gallery - Saatgut Galerie - Galerija semena. All Rights Reserved.</span></p> </td> </tr> </tbody> </table> </div> </body> </html>
V 12 Y
Semi di Pitahaya gialla
Semi di Pitahaya rossa 2.35 - 6

Semi di Pitahaya rossa

Prezzo 2,35 € (SKU: V 12 W)
,
5/ 5
<div style="text-align:center;"> <h2 style="text-align:left;"><span style="text-decoration:underline;"><em><strong>Semi di Pitahaya rossa (Hylocereus undatus)</strong></em></span></h2> <h3 style="text-align:left;"><span><strong><span style="color:#ff0000;">Prezzo per confezione da <strong><strong>20</strong></strong><strong> o 100 </strong>semi.</span></strong></span></h3> <div style="text-align:left;">La pitahaya appartiene alla famiglia delle Cactacee ed al genere Hylocereus, comprendente diverse specie, in base al frutto le più importanti sono la pitahaya rossa (Hylocereus undatus), la pitahaya gialla (Hylocereus megalanthus) e la pitahaya del Costa Rica (Hylocereus costaricensis).</div> <div style="text-align:left;">È una pianta epifita, per cui vive su altre piante che fungono da sostegno, con portamento ricadente, strisciante o rampicante, avente uno stelo molto ramificato dalla forma cilindrica o triangolare, con un diametro di 10-12 cm, in grado di svolgere la fotosintesi e rivestito da piccole areole di spine soffici di colore bianco; presenta inoltre ben poche costolature appena accentuate. L'epidermide del fusto è ricoperta di uno strato ceroso avente lo scopo di ridurre la traspirazione, le radici sono superficiali e robuste. La pianta sviluppa dei fiori composti molto grandi, lunghi fino a 30 cm e larghi 15-17 cm, con molti petali di colore verdastro, giallo o biancastro. La fioritura è piuttosto breve e generalmente avviene di notte, con un’impollinazione effettuata dai pipistrelli o dalle falene (farfalle notturne), la pianta produce diversi fiori in sequenza di tempo, ed in clima adatto ci possono essere più periodi di fioritura all'anno, nei climi temperati caldi fiorisce in estate o in autunno. La pianta è generalmente autosterile, il polline impiegato per la fecondazione proviene da altre piante di pitahaya.</div> <div style="text-align:left;">Frutti</div> <div style="text-align:left;">Il frutto, detto anche dragon fruit, pesa 150-600 g, lungo 6-12 cm e largo 4-9 cm, ha un colore variabile, una forma allungata o ovale, con una polpa cremosa, caratterizzata da un aroma delicato e contenente numerosissimi semi neri che sono commestibili. I dragon fruit, a seconda del colore esterno e della polpa, si distinguono in pitahaya rossa, pitahaya del Costa Rica e pitahaya gialla.</div> <div style="text-align:left;">I frutti della prima sono rossi con la polpa bianca, la pitahaya del Costa Rica presenta una polpa rossa, mentre quella gialla esternamente assume questa colorazione che all’interno è bianca.</div> <div style="text-align:left;">La pitahaya rossa è ovale, invece quella gialla presenta una forma più allungata e delle spine sull’epidermide.</div> <div style="text-align:left;">Clima</div> <div style="text-align:left;">La pitahaya preferisce i climi tropicali e subtropicali, però è in grado di adattarsi ai climi temperati caldi, tollera temperature fino a 45 °C e vegeta abbastanza bene a 8-10 °C, valori termici prolungati appena inferiori allo zero provocano gravissimi danni o la morte della pianta. La pitahaya deve essere posizionata in un luogo molto luminoso e poco arieggiato per tutto l'anno, si sconsigliano esposizioni al sole diretto; teme i venti freddi. Queste specie crescono bene su terreni aridi, sciolti, ben drenati e poveri di sostanza organica, nel caso della coltivazione in vaso va aggiunta della torba. La pianta è originaria delle foreste tropicali, ove utilizza gli alberi come sostegni ed è in grado di arrivare fino a 10 m di altezza, è diffusa nell’America centrale e nelle aree settentrionali del sud America, è coltivata anche nel sud-est asiatico, in Cina, in Australia ed in Israele.</div> <div style="text-align:left;">Tecniche di coltivazione</div> <div style="text-align:left;">La pitahaya si moltiplica prevalentemente per talea, un pezzo di stelo messo a dimora emette le radici molto rapidamente. La propagazione per seme raramente è utilizzata, in questo caso i semi devono essere sovramaturi e vanno posti in un terreno ben drenato e ricco di torba, la germinazione avviene a 14-28 giorni dalla semina a temperature di 18-21 °C. La pianta una volta messa a dimora necessita di sostegni a causa della sua natura epifitica. La concimazione può essere fatta una volta al mese impiegando dei concimi contenti tutte le sostanze nutritive necessarie. La pitahaya ha un’elevata resistenza alla siccità, però con l’irrigazione è in grado di dare una fruttificazione costante durante l’anno; gli apporti d’acqua devono essere regolari durante la crescita vegetativa, mentre diminuiscono in prefioritura, in modo da permettere la fuoriuscita dei fiori, e durante la stagione fredda. Bisogna tenere conto che eventuali ristagni idrici e le precipitazioni abbondanti possono causare cascola dei fiori e marciume dei frutti. La raccolta avviene 30-50 giorni dopo la fioritura, nei climi tropicali ci possono essere fino a 5-6 cicli di raccolta all’anno, in Vietnam alcune aziende producono 30 t/ha di frutti ogni anno. La pitahaya è poco soggetta ad attacchi di parassiti, i più comuni sono il batterio Xanthomonas campestris, che provoca marciume allo stelo, ed il fungo Dothiorella, che si instaura con macchie brune sui frutti; quest’ultimi possono essere danneggiati dagli uccelli</div> <div style="text-align:left;">Utilizzo</div> <div style="text-align:left;">La pitahaya può essere utilizzata sia come pianta da appartamento che per la produzione di frutti, per il consumo fresco il dragon fruit va tagliato a metà, la polpa è molto ricca di semi, dolce e soffice. La pitahaya viene impiegata nell’industria dolciaria e nella preparazione di bevande, oltre ad essere consumata come un gelato. Il dragon fruit è particolarmente ricco di vitamina C e sostanze antiossidanti.</div> <div> <table style="float:left;" cellspacing="0" cellpadding="0" border="1"><tbody><tr><td colspan="2" width="100%" valign="top"> <p><span><strong>Sowing Instructions</strong></span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Propagation:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Seeds / Cuttings</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Pretreat:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Stratification:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>all year round</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Depth:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Light germinator! Just sprinkle on the surface of the substrate + gently press</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Mix:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Coir or sowing mix + sand or perlite</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination temperature:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span> about 25-28 ° C</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Location:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>bright + keep constantly moist not wet</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span> 2-4 Weeks</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Watering:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Water regularly during the growing season</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong> </strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><br /><span>Copyright © 2012 Seeds Gallery - Saatgut Galerie - Galerija semena. All Rights Reserved.</span></p> </td> </tr></tbody></table></div> </div>
V 12 W
Semi di Pitahaya rossa 2.35 - 6
Semi di Pitahaya rossa (carne rossa)

Semi di Pitahaya rossa...

Prezzo 2,50 € (SKU: V 12 R)
,
5/ 5
<h2><strong>Semi di Pitahaya rossa (carne rossa) (Hylocereus undatus)</strong></h2> <h2><strong><span style="color:#ff0000;">Prezzo per confezione da<strong> 10 o 20 </strong>semi.</span></strong></h2> <div>La pitahaya appartiene alla famiglia delle Cactacee ed al genere Hylocereus, comprendente diverse specie, in base al frutto le più importanti sono la pitahaya rossa (Hylocereus undatus), la pitahaya gialla (Hylocereus megalanthus) e la pitahaya del Costa Rica (Hylocereus costaricensis).</div> <div>È una pianta epifita, per cui vive su altre piante che fungono da sostegno, con portamento ricadente, strisciante o rampicante, avente uno stelo molto ramificato dalla forma cilindrica o triangolare, con un diametro di 10-12 cm, in grado di svolgere la fotosintesi e rivestito da piccole areole di spine soffici di colore bianco; presenta inoltre ben poche costolature appena accentuate. L'epidermide del fusto è ricoperta di uno strato ceroso avente lo scopo di ridurre la traspirazione, le radici sono superficiali e robuste. La pianta sviluppa dei fiori composti molto grandi, lunghi fino a 30 cm e larghi 15-17 cm, con molti petali di colore verdastro, giallo o biancastro. La fioritura è piuttosto breve e generalmente avviene di notte, con un’impollinazione effettuata dai pipistrelli o dalle falene (farfalle notturne), la pianta produce diversi fiori in sequenza di tempo, ed in clima adatto ci possono essere più periodi di fioritura all'anno, nei climi temperati caldi fiorisce in estate o in autunno. La pianta è generalmente autosterile, il polline impiegato per la fecondazione proviene da altre piante di pitahaya.</div> <div>Frutti</div> <div>Il frutto, detto anche dragon fruit, pesa 150-600 g, lungo 6-12 cm e largo 4-9 cm, ha un colore variabile, una forma allungata o ovale, con una polpa cremosa, caratterizzata da un aroma delicato e contenente numerosissimi semi neri che sono commestibili. I dragon fruit, a seconda del colore esterno e della polpa, si distinguono in pitahaya rossa, pitahaya del Costa Rica e pitahaya gialla.</div> <div>I frutti della prima sono rossi con la polpa bianca, la pitahaya del Costa Rica presenta una polpa rossa, mentre quella gialla esternamente assume questa colorazione che all’interno è bianca.</div> <div>La pitahaya rossa è ovale, invece quella gialla presenta una forma più allungata e delle spine sull’epidermide.</div> <div>Clima</div> <div>La pitahaya preferisce i climi tropicali e subtropicali, però è in grado di adattarsi ai climi temperati caldi, tollera temperature fino a 45 °C e vegeta abbastanza bene a 8-10 °C, valori termici prolungati appena inferiori allo zero provocano gravissimi danni o la morte della pianta. La pitahaya deve essere posizionata in un luogo molto luminoso e poco arieggiato per tutto l'anno, si sconsigliano esposizioni al sole diretto; teme i venti freddi. Queste specie crescono bene su terreni aridi, sciolti, ben drenati e poveri di sostanza organica, nel caso della coltivazione in vaso va aggiunta della torba. La pianta è originaria delle foreste tropicali, ove utilizza gli alberi come sostegni ed è in grado di arrivare fino a 10 m di altezza, è diffusa nell’America centrale e nelle aree settentrionali del sud America, è coltivata anche nel sud-est asiatico, in Cina, in Australia ed in Israele.</div> <div>Tecniche di coltivazione</div> <div>La pitahaya si moltiplica prevalentemente per talea, un pezzo di stelo messo a dimora emette le radici molto rapidamente. La propagazione per seme raramente è utilizzata, in questo caso i semi devono essere sovramaturi e vanno posti in un terreno ben drenato e ricco di torba, la germinazione avviene a 14-28 giorni dalla semina a temperature di 18-21 °C. La pianta una volta messa a dimora necessita di sostegni a causa della sua natura epifitica. La concimazione può essere fatta una volta al mese impiegando dei concimi contenti tutte le sostanze nutritive necessarie. La pitahaya ha un’elevata resistenza alla siccità, però con l’irrigazione è in grado di dare una fruttificazione costante durante l’anno; gli apporti d’acqua devono essere regolari durante la crescita vegetativa, mentre diminuiscono in prefioritura, in modo da permettere la fuoriuscita dei fiori, e durante la stagione fredda. Bisogna tenere conto che eventuali ristagni idrici e le precipitazioni abbondanti possono causare cascola dei fiori e marciume dei frutti. La raccolta avviene 30-50 giorni dopo la fioritura, nei climi tropicali ci possono essere fino a 5-6 cicli di raccolta all’anno, in Vietnam alcune aziende producono 30 t/ha di frutti ogni anno. La pitahaya è poco soggetta ad attacchi di parassiti, i più comuni sono il batterio Xanthomonas campestris, che provoca marciume allo stelo, ed il fungo Dothiorella, che si instaura con macchie brune sui frutti; quest’ultimi possono essere danneggiati dagli uccelli.</div> <div>Utilizzo</div> <div>La pitahaya può essere utilizzata sia come pianta da appartamento che per la produzione di frutti, per il consumo fresco il dragon fruit va tagliato a metà, la polpa è molto ricca di semi, dolce e soffice. La pitahaya viene impiegata nell’industria dolciaria e nella preparazione di bevande, oltre ad essere consumata come un gelato. Il dragon fruit è particolarmente ricco di vitamina C e sostanze antiossidanti.</div> <div> <table cellspacing="0" cellpadding="0" border="1"><tbody><tr><td colspan="2" width="100%" valign="top"> <p><span><strong>Sowing Instructions</strong></span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Propagation:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Seeds / Cuttings</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Pretreat:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Stratification:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>all year round</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Depth:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Light germinator! Just sprinkle on the surface of the substrate + gently press</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Mix:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Coir or sowing mix + sand or perlite</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination temperature:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span> about 25-28 ° C</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Location:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>bright + keep constantly moist not wet</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span> 2-4 Weeks</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Watering:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Water regularly during the growing season</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong> </strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><br /><span>Copyright © 2012 Seeds Gallery - Saatgut Galerie - Galerija semena. All Rights Reserved.</span></p> </td> </tr></tbody></table></div>
V 12 R
Semi di Pitahaya rossa (carne rossa)
Semi di Cassabanana (Sicana odorifera)

Semi di Cassabanana (Sicana...

Prezzo 7,95 € (SKU: V 16 SO)
,
5/ 5
<h2><strong>Semi di Cassabanana (Sicana odorifera)</strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 3 semi.</strong></span></h2> <p>Generalità: Proviene dall'America centrale. La zucca è pianta nota fino da tempi antichi, coltivata sia per il consumo del frutto maturo che per la raccolta di frutti immaturi, cioè zucchini. La zucca ha rappresentato, nei secoli passati una riserva alimentare nelle zone più povere. In seguito a selezioni e ibridazioni ora il mercato offre la possibilità di scelta fra le molte varietà di semi, zucche e zucchini.</p> <p>Le piante delle zucche sono vigorose, a fusti striscianti lunghi diversi metri o a portamento cespuglioso e fusto breve in varietà selezionate per la coltivazione in orti. Le foglie ed i piccioli sono ricoperti di ruvidi peli, i fiori sono grandi, di colore giallo intenso e di sesso diverso sulla stessa pianta; si riconoscono dal peduncolo che nei fiori maschili è assai più lungo; i fiori sono commestibili e oggetto di commercio, raccolti freschi e venduti a mazzi.</p> <p><strong>Varietà</strong></p> <p>Generalità: Proviene dall'America centrale. La zucca è pianta nota fino da tempi antichi, coltivata sia per il consumo del frutto maturo che per la raccolta di frutti immaturi, cioè zucchini. La zucca ha rappresentato, nei secoli passati una riserva alimentare nelle zone più povere. In seguito a selezioni e ibridazioni ora il mercato offre la possibilità di scelta fra le molte varietà di semi, zucche e zucchini.<br><br>Le piante delle zucche sono vigorose, a fusti striscianti lunghi diversi metri o a portamento cespuglioso e fusto breve in varietà selezionate per la coltivazione in orti. Le foglie ed i piccioli sono ricoperti di ruvidi peli, i fiori sono grandi, di colore giallo intenso e di sesso diverso sulla stessa pianta; si riconoscono dal peduncolo che nei fiori maschili è assai più lungo; i fiori sono commestibili e oggetto di commercio, raccolti freschi e venduti a mazzi.</p> <p><strong>Clima</strong></p> <p>Clima: la pianta esige un clima temperato caldo, temperatura ottimale 18-24°.<br>La coltivazione è favorita in climi miti. La temperatura adatta alla vegetazione di questo ortaggio è compresa fra i 10 o i 20-25 gradi; seminando all'aperto con temperature più basse dei 10 gradi, la germinazione è ritardata finchè il seme, al riparo nel terreno, avverte la temperatura ideale. Un trapianto eseguito a temperatura inferiore ai 10 gradi è errato e pregiudica i risultati.</p> <p><strong>Terreno</strong></p> <p>Terreno: esige un terreno di medio impasto, fresco e soffice, senza ristagni d'acqua e ben dotato di sostanza organica. La reazione ottimale è quella leggermente acida.<br>la zucca si adatta a qualsiasi tipo di terreno, ma se si desidera raggiungere migliori risultati si sceglierà un terreno sciolto, di medio impasto, ben lavorato e sminuzzato a cui si somministra una concimazione completa (12 12 12) in forma granulare.</p> <p><strong>Seminare</strong></p> <p>Semina: si semina direttamente nell'orto in aprile-maggio ponendo in ogni buchetta 4-5 semi alla profondità di 3 cm circa. Le buchette saranno distanziate 1,5 m tra le file e altrettanti stilla fila.<br>Per una coltura forzata si semina in vasetti in serra calda all'inizio di febbraio e si porta in serra fredda trapiantando dopo la metà di marzo (dopo quaranta giorni) per raccogliere da maggio in poi.<br>La semina a dimora deve risptettare le stesse distanze e si compie mettendo tre semi in ogni buchetta.<br>a dimora: marzo-maggio, in buche distanti fra loro cm 200-250 (3-4 semi ciascuna); profondità di semina cm 2-3; quantità di seme g 0,6-0,8/mq</p> <p><strong>Come concimare</strong></p> <p>Concimazioni e cure colturali: richiede poche cure colturali con risultati soddisfacenti.<br>la zucca è un ortaggio alquanto esigente in fatto di concimazione. Interreremo 5 q/100 mq di letame o composto maturo alla profondità di 35-40 cm durante i lavori di preparazione del terreno. Tra le cure ricordiamo: le irrigazioni estive, le sarchiature e zappettature per arieggiare il terreno e mantenerlo libero dalle infestanti, la cimatura del tralcio primario sopra alla seconda o quarta foglia per agevolare lo sviluppo dì germogli ascellari che a loro volta cimeremo. Il diradamento si pratica lasciando per ogni buchetta l'individuo più robusto. Esso si esegue allorché le piante presentano la terza foglia ben formata. Si può effettuare anche il diradamento dei frutti, mantenendone non più di 2 o 3 per pianta allo scopo di stimolare il loro ingrossamento. Le zucche vanno difese dalla siccità estiva con giuste irrigazioni. Sarchiature e diserbo manterranno soffice e pulito il terreno. Le esigenze idriche sono normali nella fase di germogliazione, elevate in seguito.<br>- diradamento: piante con 2-3 foglie, per lasciare I pianta per buca<br>- in semenzaio: non consigliabile; comunque da effettuarsi in vasetti con le modalità sopra descritte<br>- germogliazione: 4-12 giorni; temperatura ottimale 30 0C; temperatura minima 150C<br>Quando inizia la produzione si può somministrare nitrato di potassio in due riprese a distanza di 10 giorni.<br>Avvicendamento: sconsigliato il ripetersi della coltivazione sullo stesso terreno prima che siano trascorsi almeno 3 anni. Pianta da rinnovo, non deve seguire pomodoro, peperone, melanzana, fagiolo, pisello, anguria, melone, zucchino, cetriolo.<br>Concimazione: può associarsi a patata, pomodoro, fagiolo.</p> <p><strong>Raccolta</strong></p> <p>Raccolta: la raccolta è scalare. Avviene da fine estate a novembre, quando le foglie della pianta sono secche e i frutti maturi.</p> <p>Gli zucchini vanno raccolti quando sono ancora piccoli perché, lasciati sulla pianta, inibiscono la produzione di nuovi fiori e limitano la produzione.</p> <p>Le zucche invernali si raccolgono nell'autunno, si lasciano al sole a completare la maturazione e si conservano fresche, disposte su tavole di legno. Le piante da zucche invernali possono dare da tre a quattro grossi frutti ognuna.</p> <div><a href="http://www.youtube.com/watch?v=0X61-PCvpq4" target="_blank" rel="noreferrer noopener"><span><strong>http://www.youtube.com/watch?v=0X61-PCvpq4</strong></span></a></div><script src="//cdn.public.n1ed.com/G3OMDFLT/widgets.js"></script>
V 16 SO
Semi di Cassabanana (Sicana odorifera)